Proiezione del documentario “Fino all’ultimo respiro: il caso di Alfredo Cospito e Anna Beniamino”

➨ Domenica 12 Febbraio ore 16:00
proietteremo
“Fino all’ultimo respiro. Il caso Alfredo Cospito e Anna Beniamino”

Il documentario tenta di ricostruire le vicende per le quali Alfredo Cospito, tramite lo sciopero della fame ha intrapreso, da detenuto anarchico, una battaglia contro lo Stato italiano la cui sproporzione di forze ed i cui possibili esiti sono evidenti a tutti, nell’indifferenza pressochè totale delle istituzioni italiane

seguiranno aggiornamenti sui due casi
aperitivo benefit

filmato prodotto da streen
https://streeen.org/film/fino-allultimo-respiro/

solidarietà con alfredo cospito in sciopero della fame ad oltranza dal 20 ottobre

***************************************************************************************************

Dal 20 ottobre 2022 Alfredo Cospito, anarchico individualista cinquantacinquenne, incarcerato da anni per diverse azioni da lui stesso pubblicamente rivendicate, è in sciopero della fame contro il regime di detenzione del 41bis e l’ergastolo ostativo a cui è sottoposto oramai da diversi mesi.

La sua non è solo una protesta personale, ma una battaglia politica contro il 41 bis e l’ergastolo ostativo in generale, battaglia che dichiara di voler proseguire con forme diverse in caso gli venissero revocati tali provvedimenti e che invece, in caso contrario, porterà avanti fino alle estreme conseguenze.

Ad Alfredo Cospito e ad Anna Beniamino sono state imputate la partecipazione e l’organizzazione di una serie di attentati avvenuti in Italia con esplosivi rudimentali nei primi anni 2000, azioni che hanno provocato danni di lievi entità, nessun morto né feriti. La loro partecipazione a questi attentati non è mai stata provata in maniera diretta e convincente, né è stata da loro mai rivendicata.

Per questi fatti sono comunque stati condannati, inizialmente, per il reato di “strage comune”, a 15 anni di detenzione, proprio perchè strage sì, però senza vittime nè feriti.
Ma il reato in seguito è stato ulteriormente riqualificato in Cassazione come reato di “strage contro la sicurezza dello Stato”, reato tra i più gravi in assoluto nell’ordinamento del Codice Penale, che prevede la pena fissa dell’ergastolo.

Il 41bis, conosciuto anche come “carcere duro”, regime particolarmente afflittivo, nato per contrastare le mafie nel 1992 ed esteso negli anni 2000 alle organizzazioni terroristiche, è un regime sulla cui costituzionalità, sulle modalità della sua applicazione e sulla sua estensione alle cosiddette organizzazioni terroristiche, vengono posti dubbi di rilievo da numerosi giuristi.

Alfredo Cospito è il primo ed unico anarchico a cui sono state applicare tali misure detentive in Italia.

Pubblicità

“Maltagliati (tagliati male per il sociale)”

Ripartiamo con le serate nel nostro spazietto con lo spettacolo teatrale:

MALTAGLIATI – Tagliati male per il sociale – è lo spettacolo di/a/da/in/con/su/per/tra/fra operatrici e operatori che avreste sempre voluto vedere rappresentato e non avete mai osato chiedere.

Un* oss, un paio di oepa, un’assistente domiciliare e varie altre e altri schiavizzati nel tritacarne del welfare esternalizzato stavolta saranno sul palco e non a riempire le tasche della Fregacoop di turno.

Con la nostra immancabile cena veg a sottoscrizione libera e generosa per supportare

la Cassa dello Sportello Antisfrutto di CAOS.

Apertura spazio e aperitivo ore 19:00

Spettacolo ore 20:00

Cena vegana ore 21:30

A seguire dj set Romz!

Free shop durante l’iniziativa libri, abiti, scarpe, borse e oggettistica varia tutti per voi

portate un bicchiere da donare allo spazio!!!

Vi aspettiamo venerdì 27 gennaio a 100celle aperte, Via delle Resede 5 (Metro C Gardenie).

6^ Festa di Rioccupazione

ANNUNCIAZio’ ANNUNCIAZIo’!!!!!!
Dopo due anni ritorna finalmente la FESTA DI RIOCCUPAZIONE dello Spazio Sociale 100celleAPERTE
Venerdì 13 Maggio
festeggeremo nel nostro spazietto
6° ANNO DI RIOCCUPAZIONE

dalle 18:30 Apertivo a cura di E.R G.A.S (Economie Ribaltate-Gruppo di Acquisto Solidale)

dalle 19:30 Presentazione della fantastica Graphic Novel Jepi Jora con l’autrice CROMA https://www.facebook.com/CROMA-104557168270356

dalle 21:00 Cena Vegan a sottoscrizione libera

e gran finale con
MASA DJ TRASH

Porta un bicchiere da donare allo spazio!!!!!!!!

***************************************************************************************

–JEPI JORA–
di CROMA (Claudia Romagnoli)
http://www.croma-art.com
edizioni IL GALEONE (Roma)
https://www.facebook.com/Ilgaleoneeditore

Tra i 20 mila albanesi che nel 1991 sbarcano dalla nave Vlora a Bari, c’è anche Jora, una quattordicenne delle montagne del nord.
Jora osserva ciò che le si srotola intorno, attraversa lingue e territori, incontra ostilità e solidarietà. Per intraprendere infine un altro viaggio, fisico e mentale, con la testa e a pedali, che è una sfida, una rivalsa, un percorso di autodeterminazione e fatica.
A trent’anni dallo sbarco albanese JEPI JORA è una storia illustrata che prende biciclette, navi tram e furgoni. E’ un graphic che parla di razzismo, sfruttamento e patriarcato. E’ un’avventura che disegna ciclofficine, periferie, scuole e case di borgata. E’ un viaggio tra bari, roma, durazzo e kukes. E’ una pedalata che supera confini, lingue, categorie e differenze.

CROMA (claudia romagnoli) è illustratrice, street artist e ciclista.
In azione tra il Molise e Roma, CROMA pedala, disegna e si guarda intorno.

***************************************************************************************

SPAZIO SOCIALE 100CELLEAPERTE
Lo spazio sociale 100celleaperte nasce nel 1994, con l’occupazione dei locali ex-cucina della scuola nido di via delle resede numero cinque, di proprietà pubblica e in stato di abbandono.

I locali vengono così recuperati e trasformati in uno spazio di aggregazione, dove creare cultura, socialità, resistenza.

Nel 1996 la struttura ottiene l’assegnazione da parte del Comune di Roma.

Ma nel 2015 lo spazio sociale entra nella lista nera degli 816 spazi che il comune di Roma rivuole indietro.
A marzo 2016 lo spazio sociale 100celleaperte è stato nuovamente occupato.

Un laboratorio sociale in continuo movimento, passato da comitato di quartiere a spazio sociale, attraverso momenti di confronto su obiettivi, contenuti, definizione dei metodi organizzativi, su valori comuni che hanno tracciato i principi di questa struttura.

100CELLE è oggi uno spazio sociale autogestito e totalmente autofinanziato; uno spazio sociale aperto, libertario, antifascista, anticapitalista e laico; si basa sulla solidarietà, sulla partecipazione e sulla condivisione; rifiuta qualsiasi forma di discriminazione: è antirazzista, antisessista, antispecista; indipendente da bandiere, istituzioni e organizzazioni politiche.

◆ 𝐂𝐚𝐭𝐞𝐫𝐩𝐢𝐥𝐥𝐚𝐫: “𝐈𝐥 𝐂𝐚𝐩𝐨” (Performance teatrale: LUCHA◆ POESIA◆RIVOLTA)

◆◆◆ Riprendiamo con le performance teatrali all’interno dei nostri Venerdì Spaziali!◆◆◆
⌚INIZIO SPETTACOLO: 19.30
A SEGUIRE CENA VEGAN✿
◆ 𝐂𝐚𝐭𝐞𝐫𝐩𝐢𝐥𝐥𝐚𝐫 presenta “𝐈𝐥 𝐂𝐚𝐩𝐨” (Sem Plumas Edizioni, 2021) un’anomala performance per un testo che si fa fuoco, corpo e voce della lotta tragica e ridicola dell’individuo alla ricerca di un’identità possibile, contro le infinite ramificazioni del potere, sempre più sofisticate, invisibili e interiorizzate, che assoggettano e zittiscono ogni forma-di-vita, separandola da sé e dagli altri.


“Il Capo” è l’urlo del Bloom, la nuda vita che proprio nella sua riduzione a nulla può tornare a immaginare una salvezza.
◆◆◆◆◆◆◆◆◆◆◆◆◆◆◆◆◆◆
► Caterpillar, al secolo Marco Giannini, classe 1972, è stato batterista e compositore nelle band FNF e Fru!t. Oggi è, anzi fa l’attore, il performer, lo speaker radiofonico, l’agitatore culturale e altre cose per cui non è stato ancora inventato un nome. Ha avuto la vita sfasciata dal lavoro, non si riconosce in nessuna patria e per questo parla tutte le lingue del mondo.
Attraverso i suoi monologhi, il suo carnascialesco 𝐀𝐧𝐚𝐫𝐤𝐨𝐤𝐚𝐛𝐚𝐫𝐞𝐭𝐭 e le sue maschere prova a denudare la rocambolesca assurdità del mondo e del potere che intrappolano la vita e i corpi in un delirio automatico di insensatezze.
Tra i suoi spettacoli ricordiamo “Sudditi” (con TamuraKafka), “Katastròff – Reading Rizomatico”, “Humus – Non saranno certo le stelle a caderci addosso” (tratto dal libro “Humus, diario di terra” di Bianca Bonavita), “Era solo un ragazzo” (tratto dall’omonimo poema di Guido Celli). Ha ideato e organizzato diverse rassegne teatrali e dal 2014 conduce su RadioTsunami “La Carota Blu”, viaggio surreale e sgangherato in un mondo alla rovescia. Nel 2016 realizza la web serie “BLOOM – Una vita qualunque” insieme a Perez e Lurex. È tra i fondatori della rivista di poesia e letteratura HpO-ACCAPO.
Recentemente ha dato vita al progetto di un’audio-antologia di poemi e racconti di diversi autori, quali Victor Cavallo, Bertolt Brecht, João Cabral de Melo Neto, Henri Barbusse, Gianni Rodari ed altri e collabora con varie radio web come Radio Risacca, Radio 32 e Radio Schianto.
“Il Capo” è il suo primo libro.

HAMBACHERS ★ Proiezione Documentario★ Dibattito con la Regista + Cena Vegan 

★ All’interno dei nostri fantastici Venerdì Spaziali partiamo con le proiezioni!★
➨ VENERDì 1 APRILE ORE 19: ☘HAMBACHERS (2019) di Leonora Pigliucci e Claudio Marziali. Un documentario che racconta la straordinaria resistenza ecologista contro le ruspe della Multinazionale RWE, nel cuore della foresta millenaria di Hambach, in Germania ☘
➨ A seguire DIBATTITO CON LA REGISTA + CENA VEGAN


Info sul documentario:
★Produzione: Arance Meccaniche e Collettivo Irragionevole
Durata 47′ – Inglese con sottotitoli in Italiano
★Trailer: https://bit.ly/3qKjZpM
★Pagina Fb: https://www.facebook.com/hambachers


Hambach, foresta millenaria nel cuore d’Europa, è lo scenario di un esperimento unico di resistenza ecologista che dall’alto delle case e dei villaggi sospesi sugli alberi, si oppone alle ruspe di RWE, la multinazionale che vorrebbe ridurre il bosco all’ennesimo bacino estrattivo per il carbone.


Nasce così, spontaneamente, nel 2012, dall’incontro di attiviste e attivisti accorsi da tutta la Germania e l’Europa, la comunità della foresta, tutt’oggi vivace spazio di convivenza e laboratorio quotidiano di politica libertaria.
Una dimensione un po’ astratta e apparentemente senza tempo, fondata su una scelta di assoluta uguaglianza e amicizia anche con gli abitanti non umani del bosco, nascosta nel folto di un’ecosistema che scompare. Un’esperienza radicale, ormai elevata a simbolo dai movimenti ecologisti di mezza Europa.


Il film è il viaggio emozionale per immagini e suoni alla scoperta di un modello di vita spartano e ricco allo stesso tempo, dell’utopia romantica di militanti che da anni tengono sotto scacco una gigantesca multinazionale, la seconda società elettrica del mondo, frapponendo i propri corpi tra gli alberi e le ruspe e l’immenso mostro meccanico che trasforma la foresta nell’oscura terra del Mordor del Signore degli Anelli, come là chiamano la parte di bosco già ridotta a deserto brullo.


Una lotta, quella degli Hambachers, dal sapore antitecnologico, ma in realtà modernissima: j’accuse contro l’irresponsabilità dei colossi energetici mondiali e del loro predatorio modello di sviluppo, che nulla, salvo forse una consapevolezza diffusa che si faccia pratica di resistenza civile, sembra poter indurre a cambiare rotta.

SPAZIO SOCIALE 100CELLEAPERTE
via delle resede, 5 (tram 5, 19), metro C gardenie

RASSEGNA STAMPA CONTRO LE FRONTIERE – VENERDI’ 3 DICEMBRE h18 @100CELLE APERTE

Venerdi 3 dicembre, durante l’apertura settimanale di 100celle aperte, ci sarà uno spazio dedicato alla rassegna stampa contro le frontiere.

Un appuntamento per aggiornarsi e confrontarsi sulla situazione alle frontiere in giro per il mondo: dalla repressione e la violenza che avviene ai confini, alla delocalizzazione di queste linee immaginarie, come ad esempio i controlli a tappeto delle persone senza documenti o le nuove forme di colonialismo basate sul finanziamento ai paesi di partenza o di passaggio, spesso regimi esplicitamente dittatoriali e militari, in cambio del controllo delle rotte e della fornitura di dati utili ai rimpatri coatti, o ancora il business nascosto dietro le agenzie istituzionali che gestiscono a fini di lucro il flusso delle persone senza libertà di circolazione.

Porta con te gli articoli, le informazioni reperite, gli opuscoli ma anche le riflessioni, i dubbi, le tue esperienze dirette.

Contro le politiche colonialiste e guerrafondaie degli stati, la stigmatizzazione e la repressione delle persone in trasito e il loro sfruttamento tramite il ricatto dei documenti: autoformiamoci e autoorganizziamoci!

Venerdì Spaziali

Venerdì Spaziali


Sentiamo l’esigenza di ricomincare a incontrarci con le persone del quartiere,

di tenere aperto il nostro spazietto per dare modo a chi passa di trovare un luogo di discussione, di confronto o semplicemente un posto dove venire a riposarsi, a leggere, a sentire Radio Onda Rossa, a sistemare la propria bici, 

a prendere qualcosa al free shop, a farsi un caffè, una tisana, una birra o un bicchiere di vino con prodotti solidali a km 0 e a prezzi popolari, a stuzzicare qualcosa di rigorosamente vegano, (cucinato da noi o portato da voi) al Critical Bar, a suonare nella sala prove o sul nostro palco. 


Insomma a stare  insieme !!!!

JAM dallo Spazio

ATTENZIONE!!!!!!!!!!!!!!!!!
POSTICIPATA LA JAM DALLO SPAZIO
a Mercoledì 28 luglio dalle 19

******************************************
Un caro amico compagno e cicloattivista, che ha attraversato lo spazio per anni, ci ha lasciato la settimana scorsa.
Il 23 luglio chi l’ha conosciuto e gli ha voluto bene ha deciso di incontrasi per ricordarlo e noi vorremmo esserci.La festa è quindi rimandata a mercoledì 28 luglio stessa ora stesso posto.
Daje
*****************************************

In questi ultimi due anni, abbiamo dovuto in parte abbandonare le nostre pratiche abituali per la creazione di una socialità alternativa, che non prevedesse la condivisione fisica degli spazi.

Ci siamo confrontati con la necessità di provare a dar vita a forme di mutualismo, che potessero essere di aiuto al quartiere e ci potessero avvicinare a chi in primis stesse pagando le conseguenze delle sciagurate politiche pandemiche instituzionali.

Molte persone nuove in questo periodo hanno attraversato e vissuto 100celle Aperte, e molti progetti sono nati, si sono sviluppati e continuano a vivere nello spazio:  nonostante cio’, dopo lunghe discussioni e animati confronti siamo giunt* alla conclusione che c’è assoluto bisogno di tornare a fare festa!

Una festa perchè in questi due anni abbiamo saltato la quarta e la quinta festa di rioccupazione di 100celle aperte!

Una festa perchè abbiamo saltato i 10 anni della mitica ciclofficina Masetti!

Una festa perchè i lavori per rimettere in piedi la sala prove dopo l’allagamento sono terminati e a settembre la sala prove riariprà!

Una festa per finanziare i progetti e le prossime iniziative dello spazio!

Una festa per non dimenticarci come fare festa!

Venerdì 23 luglio nel nostro giardino,

JAM DALLO SPAZIO

dalle 19 aperitivo del gruppo di acquisto solidale ER GAS

dalle 21 la nostra classica super cena vegan a sottoscrizione libera

durante tutta la serata Jam acustica nel nostro giardino, porta il tuo strumento e suona con noi

Tutela te e le altre persone: indossa la mascherina quando necessario!

Prenditi cura delle persone con cui condividi questo spazio sociale!

SPAZIO SOCIALE 100CELLEAPERTE via delle resede, 5 (tram 5, 19), metro C gardenie

Occhi aperti sulla Palestina

Assieme ai compagni e le compagne di UDAP e di altri spazi del quartiere saremo in

Mercoledi’ 23 giugno 2021 Piazza dei Mirti

per parlare di Palestina e di oppressione

Occhi aperti sulla Palestina

Una serata esperienziale dove giochi sul potere e simulazioni teatrali ci aiuteranno a scoprire le dinamiche oppressive in atto in Palestina.

Attraverso teatro dell’oppresso, installazioni, reading poetico, musica e cibo palestinese potremo interagire in modo creativo e confrontarci con persone provenienti dalla Palestina.

Sarà l’occasione per raccogliere fondi per l’ospedale al-Awda di Gaza, duramente danneggiati da tre bombardamenti lo scorso maggio.

Ore 19:00
Giochi di potere e teatro dell’oppresso

Ore 20:00
Aperitivo palestinese, musica e riffa solidale

Ore 21:00
Video installazione e reading di poesie palestinesi